Don Nicola Bux: "No ad intercomunione e a Eucarestia ai divorziati" | lafedequotidiana.it

Don Nicola Bux: “No ad intercomunione e a Eucarestia ai divorziati”

“Importante capire Chi riceviamo  nella Santa Comunione, si rispetti la dottrina cattolica”: lo dice in questa intervista che ci ha rilasciato il noto teologo barese don Nicola Bux.

Don Nicola, come fare una buona comunione?

” Come ci insegna da sempre la dottrina cattolica, la si rispetti. E’ importante sapere e capire Chi riceviamo con la Santa Comunione dopo un accurato e scrupoloso esame di coscienza. Bisogna sempre valutare se viviamo in stato di peccato grave o no. Dovrebbe risultare noto che il non essere in grazia di Dio impedisce la Comunione sacramentale.  Nel dubbio o ci astiene o si  domanda al sacerdote e al direttore spirituale”.

Divorziato risposato civilmente, può fare la Comunione?

“No, perchè è in peccato grave e questa situazione  impedisce anche l’ assoluzione nella confessione. Se infatti egli non abbandona quello stato di vita o non ne fa fermo e reale proposito, l’ assoluzione non solo non  può essere data, ma addirittura è inutile. Lo dice Padre Dante: assolvere non si può chi non si pente”.

Intercomunione con i protestanti, che fare?

“L’ intercomunione con i protestanti era e resta proibita, almeno seguendo la dottrina cattlica. Penso, ad esempio, ai luterani.  E’ consentita, a certe condizioni, con gli ortodossi  i quali, detto per inciso, sono molto attenti e scrupolosi nell’amministrarla , a loro volta,  agli altri. In in questo campo, parlo della intercomunione, non è giusto e non è  consentito dare scandalo. Del resto,  penso ai luterani, loro non credono alla Santa Comunione secondo la dottrina cattolica e allora di che cosa parliamo?”.

In Germania un gruppo di vescovi sembra favorevole alla comunione in favore del coniuge non cattolico del fedele, che fare?

” Qui il problema non è solo teologico. Ma credo che dipenda dalla confusione esistente  nella mente di alcuni vescovi e fedeli, cosa che porta ad una prassi spesso ambigua e relativista, come vediamo con Amoris Laetitia. Dare la comunione in questi casi non è pensabile, salvo che il soggetto protestante aderisca alla fede cattolica. Io  ritengo che la circostanza più angosciante è la spaccatura esistente tra i vescovi ed è sintomo di sofferenza per la unità cattolica. Una situazione a dir poco inedita”.

Don Alfredo Morselli ha parlato di scisma di fatto…

” Lo scisma formale non è ravvisabile.  Credo tuttavia di capire quello che dice don Alfredo. La Chiesa deve insegnare, come affermava San Paolo, con dottrina e pazienza. Se però la Cattedra Romana non insegna in modo cattolico e cede a preoccupazioni mondane, si ha divisione e dunque possibile scisma di fatto. San Gregorio di Nissa paragonava la dottrina al latte che nutre . Ma  diventa pericoloso pericoloso se questo latte, che dovrebbe esser nutrimento, inacidisce. Il Papa, da sempre, è segno di unità e la deve garantire. Dopo tali recenti spaccature tra vescovi mi domando: che cosa  accade  se l’insegnamento del Papa  risulta divisivo?”.

Bruno Volpe

Una risposta

  1. Ave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *