David Murgia: “in Italia oggi ci sono ben trecento veggenti”

Venti puntate, una cavalcata per divulgare ed informare con rigore ed onestà intellettuale. E questo l’ottimo lavoro che svolge il giornalista cattolico David Murgia col suo programma di TV 2000 “Ai confini del sacro”. Sono 20 puntate che andranno in onda sino  a giugno. Ha riscosso grande e meritato successo quella relativa alla apparizioni di La Salette ed i veggenti. Abbiamo intervistato David Murgia.

Perchè  proprio La Salette?

” Quella puntata è nata dal desiderio e dalla volontà di riabilitare non tanto le apparizioni in sè, quanto la figura dei veggenti che sono stati maltrattati e addirittura massacrati, quasi giudicati dei pazzi o dei visionari”.

Che cosa è successo?

” Assieme ai missionari di La Salette, ai quali va riconosciuto grande impegno, ho cercato di fare luce sui veggenti che non sono stati  beatificati proprio per quelle apparizioni ed è un assurdo. Quello che è stato concesso a Lourdes e Fatima, è invece stato negato a La Salette, eppure la Madonna è apparsa per prima proprio in quel posto. Trovo poco incredibile che vi sia una specie di maledizione che circonda e colpisce tutti quelli che hanno avuto a che fare con loro . E anche reputo  singolare che  a loro non sia stata  data sepoltura nel santuario”

Probabilmente si deve al contenuto del segreto…

” No, non ci sta niente di apocalittico o impressionante, ma è solo figlio dei tempi. Posso anzi dire che i veggenti non avevano alcuna intenzione di rivelare e divulgare questo segreto, ma furono minacciati e forse persino ingannati”.

Il suo programma è un successo…

” Lo lascio dire a voi. Siamo alla quarta stagione e da questo punto di vista sono molto contento, faremo venti puntate sino a Giugno”.

Di che cosa parlerete?

“Affronteremo vari argomenti, sempre in ambito di fede e religioso. Per esempio daremo spazio al tema dei veggenti. In Italia ne contiamo trecento, tra quelli veri e falsi. Noi per esempio, abbiamo scoperto il caso di quel Catanzaro. La trasmissione va , riprende e talvolta stana chi imbroglia, per fare corretta informazione. In quanto ai veggenti,  il rischio che ci siano dei poco di buono esiste, ma ci sono veggenti buoni, non possiamo fare di ogni erba un fascio. Sia chiaro che noi non emettiamo giudizi, questo tocca solo ai vescovi e alle diocesi. Il certificato di veridicità lo da il vescovo e non la trasmissione. Noi lavoriamo al servizio  della Chiesa”.

Esistono anche falsi preti…

” Certo, alcuni casi si sono verificati, penso a San Severo ed Asti. Sono degli autentici truffatori”.

Lei è esperto di esorcisti ed esorcismi. Per caso si parla poco del diavolo?

” Papa Francesco ne parla e il New York Times ha scritto che l’attuale pontefice cita satana più di Giovanni Paolo e Benedetto XVI assieme. Certo, nella chiesa a mio parere, occorrono  più esorcisti, in alcune diocesi manca questa figura”.

Bruno Volpe

3 Commenti

  1. Avatar don giorgio de capitani
  2. Avatar Nicola Camuffo
  3. Avatar badiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *