Cristiani e Cristo perseguitati: se ne parlerà il 23 novembre

 

Sabato 23 novembre, a partire dalle ore 16:45, presso la sala conferenze della Libreria “L’isola del Tesoro” (via Marconi n. 60 a Verona), si terrà un’importante conferenza sulla questione della persecuzione anti-cristica organizzata dalla Casa Editrice “Fede e .Cultura” e dal Comitato Internazionale “Uniti con Gesù Eucaristia per le mani Santissime di Maria”.
Moderati dal prof. Matteo Orlando, cronista de Il Giornale.it, relazioneranno sul tema “Perseguitati: i cristiani e il Cristo ‘nascosto’” il parlamentare veronese della Lega onorevole Vito Comencini e il sacerdote della Diocesi di San Marino – Montefeltro (ma originario del vicentino) don Federico Bortoli.

Il deputato della Lega di Matteo Salvini, segretario della III commissione affari esteri e comunitari della Camera dei Deputati, interverrà sull’argomento “Perseguitati più che mai” mentre il responsabile della Parrocchia Sant’Andrea Apostolo in Acquaviva (Repubblica di San Marino) interverrà sul tema “Rispettare il Cristo ‘nascosto’”.

Don Federico Bortoli è attualmente Cancelliere vescovile, Vicario giudiziale e consulente ecclesiastico dell’Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti. Presso il Tribunale Ecclesiastico Flaminio di Bologna è Difensore del Vincolo. Il 22 febbraio 2018 ha pubblicato, per le edizioni Cantagalli, il libro (che sarà presentato durante l’incontro) “La distribuzione della Comunione sulla mano”, la cui prefazione è stata curata dal cardinal Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti.

Secondo la Fondazione di Diritto Pontificio “Aiuto alla Chiesa che Soffre”, la persecuzione religiosa può assumere molte forme. Può tradursi nei brutali attacchi diretti compiuti dai seguiaci dell’Isis, “oppure può assumere forme più subdole quali discriminazioni, minacce, estorsioni, rapimenti e conversioni forzate, negazione dei diritti o limitazione delle libertà”.

La persecuzione anticristiana “continua a diffondersi, assumendo forme diverse e trovando nuovi colpevoli. L’asse del fondamentalismo islamico si sposta sempre più dal Medio Oriente all’Africa e all’Asia meridionale ed orientale”, fino ad arrivare nell’Europa sempre più islamizzata.

Nel corso della Conferenza verranno presentati i dati del biennio 2017-2019 relativi alle persecuzioni contro i cristiani basati sulle indagini effettuate sul campo da diversi membri della Fondazione pontificia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.