Chesterton ha anticipato le questioni scottanti del XXI secolo

Gilbert Keith Chesterton, a volte citato come G.K. Chesterton, scrittore, giornalista e aforista britannico ha anticipato le questioni scottanti del XXI secolo: squilibrio sociale, attacchi alla religione, alla famiglia tradizionale e alla dignità umana.

Lo ha dichiarato Emilio Dominguez Diaz, filologo inglese intervistato per il portale cattolico InfoCatólica da Javier Navascués.

Sulla figura del grande scrittore inglese, convertirsi al cattolicesimo, Dominguez Diaz ha detto che Chesterton in gioventù visse una crisi personale nel 1895, con episodi depressivi e fascinazione per ciò che è collegato al diavolo, poi, con la maturità spirituale, dopo un processo di conversione lento e pesato, divenne uno dei pilastri di una nuova cultura, solida e radicata nei valori.

Dopo la sua conversione al cattolicesimo nel 1922, scrisse una serie di opere come la famosa “Ortodossia” o quelle dedicate a San Francisco di Assisi e a san Tommaso d’Aquino.

“Sebbene abbia vissuto 14 anni come cattolico, dal 1922 al 1936, Chesterton ha dimostrato con opere precedenti alla sua conversione che ha pensato, lavorato, comunicato e scritto con una forte carica religiosa connessa, allo stesso tempo, con un pensiero vicino alla nostra fede cattolica. In effetti, ci sono opere e personaggi nei suoi romanzi che mostrano chiaramente quell’approccio al passo finale che avrebbe compiuto. Ad esempio, ci sono personaggi come Padre Brown e Ian Maclan, che sono eroi nei suoi libri, sono entrambi cattolici”. Da sottolineare “la difesa che ha fatto del cattolicesimo in Ortodossia (1908), opera che difende i sacerdoti e la dottrina cattolica, senza alcun complesso, nonostante il tempo e il paese in cui viveva”.

A volte l’essere cattolici, in un paese come l’Inghilterra, potrebbe rappresentare un rischio e Chesterton lo sapeva. Era audace nei suoi ultimi anni, già convertito cattolico, in cui il protestantesimo sarebbe stato anche oggetto delle sue aspre critiche.

Va notato che il lento processo della sua conversione è determinato da vari fattori che si verificano nella sua vita privata, nel suo modo di pensare e che, quindi, si riflettono nei suoi scritti. C’è un aspetto personale vitale, sua moglie.

Una scoperta ulteriore è quello della sua devozione mariana. Si consolida dopo molte esperienze e viaggi, come la notevole esperienza davanti a un’immagine della Vergine nel porto di Brindisi o alla rapida associazione che, nel suo pensiero, stabiliva tra la Chiesa cattolica e la Vergine Maria.

Per Chesterton la risposta alla domanda “Perché sono cattolico?” può essere trovata in una frase schietta: “Il cattolicesimo è vero”. Chesterton ha mostrato una convinzione totale che, per raggiungere la teologia cattolica, la ragione e la libertà devono essere gli inseparabili compagni di viaggio insieme alla presenza dell’intelligenza. Il fatto della conversione implica l’apprendimento di come pensare, razionalizzare o riflettere. E, naturalmente, il processo non implica l’abbandono del pensiero. La fede cattolica è razionale e di una logica schiacciante, a differenza di altre credenze.

Razionale, logico, vero, autentico, irresistibile, tradizionale, antica … Ci sono tanti aggettivi che si possono dare che non ha paragoni con le nuove credenze che si adattano a determinate circostanze, a un momento specifico con una serie di caratteristiche o funzioni come vari fattori temporanei, sociali, geografici, economici, politici, ecc …

Chesterton difendeva sempre la freschezza, la vivacità della sua nuova religione e esaltava la ricchezza della sua storia, dei suoi rituali e delle sue tradizioni senza doversi sottomettere al gusto o alle preferenze di nuovi tempi o nuovi arrivati ​​come lui.

Parla del cattolicesimo come di una religione che guida gli uomini sulla via della moralità anche quando non sono impegnati a praticarlo. Afferma, d’altra parte, che predica la riconciliazione sociale tra nemici che preferirebbero la distruzione o la scomparsa dell’avversario o, infine, parlare di carità o castità prima di tutti quelli che non credono in loro.

E la logica schiacciante si è trasferito alla libertà, la libertà personale. Aveva la semplicità di un bambino di vedere la verità e una grande profondità per penetrarla. Chesterton sosteneva che i bambini traboccano di vitalità perché il loro spirito è feroce, libero, selvaggio. Per questo motivo, insistono sulla ripetizione delle loro azioni, i loro giochi e sul fatto che non subiscono cambiamenti o trasformazioni. Tuttavia, gli adulti non sono abbastanza forti o in grado di tenere il ritmo che i bambini o i loro figli richiedono e, quindi, non trovano gioia in quella monotonia puerile. Ma Dio, sì. Mostra il suo vigore, la sua forza, quando ogni mattina fa splendere il sole o quando fa uscire la luna ogni notte. Lo fa ripetutamente e non si stanca mai. Dio ha quell’insaziabile appetito per l’infanzia e noi, che abbiamo peccato e siamo cresciuti, siamo più anziani e più deboli di Lui.

Per Chesterton, autore lucido e graffiante in difesa della verità, dire o mostrare tutta la verità è sinonimo di avere una grande virtù, mentre una mezza verità è un sintomo inequivocabile di qualche vizio o difetto.

E non solo della verità, ma anche di Dio e della ragione.

“Leggere Chesterton è utile per vedere, capire e dire cose che, senza la prospettiva o l’opinione del nostro autore, non sarebbero mai passate per la testa. Forse, anche quello stesso lettore potrebbe arrivare a chiedersi i motivi per cui, senza questa lettura, non aveva aperto gli occhi quando si trattava di discernere o di cadere in considerazione di cose banali che si verificano nella nostra vita quotidiana. Chesterton e le sue letture furono vantaggiose nel primo terzo del ventesimo secolo e le sue opinioni sono totalmente valide, un secolo dopo, aiutandoci ad aprire gli occhi sulla nostra realtà. Chesterton era uno scrittore versatile e, come diciamo oggi, multidisciplinare in relazione alla sua prolifica creazione letteraria. La sua offerta spazia da saggi giornalistici a critiche sociali, passando attraverso decine di racconti, poesie, opere teatrali o centinaia di articoli che rivelano i suoi pensieri e anticipano le chiavi di quello che, anni dopo, potrebbero essere le luci della strada che, giorno dopo giorno, ci imbarchiamo nelle nostre vite. Questa varietà, non esente dal buon senso, è anche un’altra ragione importante per prendere questa opzione di lettura basata sui gusti personali”.

“In The Catholic Church and Conversion, cinque anni dopo il suo arrivo nella fede cattolica, Chesterton ci dice che tutte le strade ci portano a Roma e che ogni pellegrino può dire che tutte quelle strade sono state come lui. Ha viaggiato, ma riconosce la diversità della Chiesa e le centinaia di porte alle quali si può accedere da queste diverse origini. Oltre alla diversità, alla riflessione personale, al buon senso e alla pazienza dell’intero processo, Chesterton ci lascia un piano come eredità autentica. È il piano, nel suo caso, un lungo viaggio verso la Chiesa cattolica che si divide in tre fasi: difesa, scoperta e fuga. E lo stesso scrittore è fedele e fermo rappresentante di questo schema e dei suoi passi per raggiungere un obiettivo che, come tutto ciò che abbiamo nella vita, non è estraneo al dubbio o alla sua realizzazione ultima. Come il cardinale Newman, Edith Stein e altri intellettuali cattolici, durante la ricerca, in profondità, la verità l’ha trovata nella Chiesa cattolica. Non solo la verità, ma un profondo senso di spiritualità e l’ardente desiderio di trovare l’autentico con perseveranza, tenacia e coraggio, a prescindere dalle sue origini o circostanze, per raggiungere la gioia e la pace interiore derivate dalla sua accoglienza da parte della Chiesa cattolica”.

Chesterton ha anticipato le questioni scottanti del 21° secolo. Lo squilibrio sociale, la cultura della morte e gli attacchi contro la religione, il concetto di famiglia tradizionale o la dignità degli esseri umani. Il suo attivismo è degno di menzione, in tutti quei campi e generi letterari a cui ha partecipato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *