Caso Anna Frank, il cardinale che tifa Lazio: “I nostri tifosi ignoranti, non razzisti”

“Un fatto davvero molto grave, ma la Lazio come club non ha responsabilità”. Lo dice in questa intervista che ci ha concesso il cardinale portoghese Josè Saraiva Martins, Prefetto Emerito della Congregazione Cause dei Santi, ma soprattutto grande tifoso proprio della Lazio.

Eminenza, qualche tifoso biancoazzurro ha fatto degli adesivi con il viso di Anna Frank sulla camicetta della Roma. Che ne pensa?

“Lo trovo un fatto davvero molto grave, da condannare e  censurare, spero che i responsabili siano individuati e sanzionati. Che cosa ha a che fare lo sport con questo? Bisogna ribadire con forza che il calcio deve rimanere sempre nella sua dimensione, che è quella di sport. Ma con la stessa onestà sono della opinione che la Lazio in quanto tale come club non ha alcuna responsabilità specifica”.

Perchè?

” Come le dicevo, è un evento molto brutto, che però concerne singoli individui. Lo sfottò calcistico, specie in una  città con due squadre come Roma, è simpatico e divertente. Però deve rimanere sempre nei confini della legalità, della dignità e del buon gusto”.

Qual è il motivo per il quale non bisogna prendersela col club?

“A mio avviso, se andiamo  a chiedere a nove su dieci di coloro che hanno commesso quel fatto chi era Anna Frank neppure sanno chi sia, non sanno rispondere. Credo che sia un episodio figlio di ignoranza oltre che di razzismo o antisemitismo, che certamente è da bandire”.

Sì, ma perchè la Lazio è esente da colpe?

”  Avrei detto lo stesso della Roma o altro club. Una società non può essere chiamata a rispondere delle scelleratezze di singoli  individui. Ritengo che un fatto simile poteva accadere in ogni città. In quanto alla Lazio, so che questo club è molto attento al rispetto dei valori”.

Sui campi di calcio è stato letto un piccolo brano del diario di Anna Frank..

” Un ottimo libro che tutti, dico tutti, dovrebbero  leggere, meditandolo. Tuttavia ritengo che la gente allo stadio va per vedere la partita, non per sentire  la lettura di un libro e forse in quel momento gli spettatori  erano attenti solo alle ultime  notizie sulle  squadre .  Tali libri e documenti vanno studiati nelle scuole e nelle sedi giuste”.

Da sportivo le piace la sua Lazio?

“Gioca molto bene e diverte. Non so dove potrà arrivare e parlare di scudetto, come talvolta sento è prematuro, bisogna  aspettare. Penso che oggi il Napoli giochi il calcio migliore e il titolo se lo contenderanno le solite”.

Che pensa di Lotito?

“Fa il bene della Lazio”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *