Il cardinale tedesco Woelki: «Non è nostro compito inventare una nuova chiesa»

Il cardinale di Colonia, Reniner Maria Woelki, ha rilasciato un’intervista sulle sfide affrontate dalla Chiesa in Germania sul canale EWTN. Esplicitamente ha affermato che nel mezzo delle dispute sulla “direzione” della Chiesa, i vescovi sono chiamati a preservare la Fede cattolica.

Ecco una traduzione dell’intervista che si trova in inglese qui

Eminenza, la Chiesa cattolica sta vivendo tempi turbolenti. Quali sono le sfide particolari che la Chiesa in Germania sta affrontando attualmente?

Penso che una delle sfide fondamentali sia mantenere viva la questione di Dio nella nostra società nel suo complesso. Sempre più persone sono convinte di poter vivere la propria vita piuttosto bene senza Dio. Proprio lì è dove la Chiesa ha un compito molto importante da svolgere: chiarire che Dio esiste e che Dio è l’origine stessa di ogni cosa. La questione di Dio, per me è una delle sfide fondamentali che dobbiamo affrontare.

Di quali problemi si preoccupano profondamente i cattolici in Germania?

Senza dubbio la crisi degli abusi che ci ha colpito molto. C’è stata una massiccia perdita di fiducia, sia all’interno che all’esterno della Chiesa. La sfida ora è come questo trust può essere ripristinato; e, soprattutto, in che modo è possibile affrontare responsabilmente il più ampio contesto di abuso. Credo che questa sia un’altra sfida fondamentale che stiamo affrontando.

Come giudica l’atteggiamento delle persone in Germania verso questioni come l’aborto e l’eutanasia? 

Sfortunatamente, la preoccupazione dell’opinione pubblica per le questioni pro-vita nella società sembra essere diminuita nel tempo; almeno questa è la mia impressione – al punto che le preoccupazioni sulla questione della normalizzazione dell’approvvigionamento dell’aborto nel futuro sono ben giustificate. Grazie a Dio, questo è stato di nuovo evitato; anche per quanto riguarda qualsiasi discussione sull’articolo 219. L’aborto continua ad essere un reato penale in Germania. Ed è assurdo affermare che si dovrebbe essere autorizzati a fare pubblicità di un reato. Per questo sono davvero grato che un compromesso sia stato nuovamente raggiunto. Allo stato attuale, le liste di medici e cliniche che forniscono l’aborto possono essere visualizzate presso l’Associazione medica tedesca, ma il divieto di pubblicità per la fornitura di servizi di aborto persiste. Inutile dire che noi cattolici non possiamo mai essere d’accordo. La vita è sotto la protezione di Dio sin dal principio. Ed è protetto dall’inizio alla fine naturale, fino all’ultimo respiro. Grazie a Dio, quando si parla di eutanasia, non è possibile chiedere il suicidio volontario assistito in Germania, come è ora possibile nei Paesi Bassi, in Belgio e in Svizzera. Grazie a Dio abbiamo ancora regolamenti in vigore in Germania che non lo consentono.

In Germania – e non solo in Germania – c’è molto dibattito sulle riforme della Chiesa. Si parla di conflitti, anche per quanto riguarda la dottrina della fede. Come percepisce la situazione della Chiesa?

La situazione attuale in Germania è davvero difficile. E sembra esserci una disputa sull’orientamento generale della Chiesa, che è stato certamente innescato anche dallo scandalo degli abusi. Ora ci sono quelle voci che sostengono che è tempo di mettere da parte tutto ciò a cui ci siamo finora aggrappati – di abbandonare “i vecchi tempi”. Penso che sia un concetto molto pericoloso. Facciamo parte di una grande tradizione. La Chiesa rappresenta anche verità che trascendono il tempo. E non è nostro compito ora andare e inventare una nuova Chiesa da soli. La Chiesa non è solo “leva” che ci è stata data per esercitare come riteniamo opportuno. Piuttosto, è nostro compito di vescovi preservare la fede della Chiesa, come è giunta fino a noi dagli apostoli, e dirla e proclamarla di nuovo nei nostri tempi e anche conservarla per le generazioni a venire. Inoltre, si deve semplicemente dire che la Chiesa non è mai stata rinnovata essendo meno, ma essendo più della cultura che la circonda. San Paolo Apostolo dice molto chiaramente “ma noi” cristiani, non “anche noi cristiani”. Dobbiamo ancora una volta renderci conto che, come cristiani, dobbiamo promuovere qualcosa di una cultura alternativa, che deve allinearsi unicamente agli standard del Vangelo e alla volontà di Gesù Cristo. E non è meno, ma sempre di più. E ciò non si ottiene abolendo il celibato. Non si ottiene ora chiedendo che le donne siano ammesse ai ministeri. Ed inoltre non è raggiunto dicendo che dobbiamo avere una nuova moralità sessuale. No, il Vangelo è e continua ad essere la pietra di paragone. È la fede della Chiesa che continua ad essere la pietra di paragone, proprio come ci è stata presentata da Giovanni Paolo II nel suo Catechismo. E la sfida è proprio quella di testimoniare e proclamare questa fede senza tempo ora in modo che diventi comprensibile e comprensibile per le persone di oggi. Questa è una sfida che dobbiamo affrontare.

Cosa le dà speranza per la Chiesa in Germania?

Prima di tutto, ciò che mi riempie di speranza, naturalmente, è che Cristo esiste, rimane e continua ad essere il Signore della Chiesa e che il suo Santo Spirito è promesso e concesso a noi. E sono convinto che ci guiderà anche in questi tempi. Certo, dobbiamo aprirci a lui in modo che lo Spirito di Dio possa operare anche dentro di noi e guidarci. E non dobbiamo iniziare noi a giocare ora a fare lo Santo Spirito. Come Chiesa, come vescovi, siamo soggetti alla parola di Dio; e, come tutti i popoli e i vescovi prima di tutti, dobbiamo testimoniare e proclamare questa parola di Dio. In altre parole, Cristo esiste, Cristo rimane ed è presente. Lui è il Signore della Chiesa. Proprio come ha guidato la sua Chiesa nei momenti difficili del passato, così ci condurrà attraverso questi tempi presenti. E la mia speranza è sostenuta ancora e ancora quando incontro giovani che si sono lasciati infiammare dalla fede della Chiesa. Ed è proprio i giovani che cercano proprio questo “di più” della fede cristiana, che hanno una casa nella Chiesa, che hanno una casa nell’Eucaristia, che vivono attraverso l’Eucaristia e l’adorazione e che vivono nella consapevolezza che le loro vite sono toccate da Cristo. Questo è qualcosa che mi incoraggia, perché questi giovani – come li conosco – vivono autenticamente e con convinzione. E semplicemente mi danno speranza nella loro testimonianza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.