Il cardinal Sarah: “io sono fedele al Papa”

Il 20 luglio 2019 il cardinale Robert Sarah ha celebrato il suo cinquantesimo anniversario di sacerdozio.

Il Prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti ha spiegato che la sua vocazione è iniziata quando ha visto alcuni missionari alzarsi prima dell’alba per pregare.

“Quando ero piccolo, mi chiedevo: ‘Cosa stanno facendo questi uomini in silenzio nell’oscurità? Non c’era elettricità nella mia città. Sicuramente stanno parlando con qualcuno che vedono, pensavo. A un certo punto uno di loro mi ha chiesto: ‘Vuoi andare al seminario?’, Non sapevo cosa fosse. Ho chiesto: ‘Cosa viene fatto lì?’ ‘Ti prepari per essere come noi’. Io  dissi di sì. Volevo incontrare quella persona che vedevano nel silenzio e nell’oscurità della cappella”.

Gli anni sono passati e il cardinale Sarah continua “a prendere come modello la generosità di questi missionari che sono venuti nella nostra terra per aiutare noi africani”.

“Non sono venuti per guadagnare nulla”, ha spiegato il Prefetto del Culto Divino, “ma per servirci, per salvarci, proprio come Cristo. Non erano venuti per vincere, ma per dare la vita. E l’hanno data. Alcuni sono morti molto giovani”.

Per questo motivo per il cardinale Sarah “essere un prete è imitare questi missionari che mi hanno comunicato la loro fede, voglio essere come loro”.

Il cardinale svolge la sua missione in Vaticano dal 2001. Ha collaborato con Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e adesso con Papa Francesco del quale  si rammarica essere presentato come un avversario.

“Io sono tranquillo perché sono molto fedele al Papa. Nessuno può citare una parola, una frase, un gesto con cui mi oppongo al Papa. È ridicolo, è ridicolo. Sono al servizio della Chiesa, del Santo Padre, di Dio. Basta”.

“La gente scrive cose per opporsi a noi, contro il Santo Padre, contro vescovi e cardinali. È ridicolo. Non dobbiamo cadere in questa trappola. Dobbiamo continuare ad insegnare. Non mi interessa quello che dicono”.

Una risposta

  1. Avatar Giuseppe Bruno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.