California. Polemiche su un vescovo emerito: compra casa per 2,3 milioni di dollari

La diocesi cattolica di San Jose, nella Silicon Valley, ha acquistato una casa (da cinque camere) per 2,3 milioni di dollari. Ospiterà il suo vescovo in pensione Patrick J. McGrath, 73 anni.

Il prelato ha riconosciuto in un’intervista al Mercury News di San Jose che si tratta di “un sacco di soldi”, dicendo “potrei capire” relativamente alle critiche, che non si sono fatte attendere, da parte di alcuni parrocchiani.

La casa, di 306 metri quadrati, vanta una “cucina da chef di grandi dimensioni”, “soffitti alti” e un “lussuoso bagno padronale” con un “bagno di marmo”.

L’edificio è stato acquistato con fondi stanziati per il pagamento delle spese per l’alloggio e la manutenzione di un vescovo dopo il pensionamento, ha detto il direttore delle comunicazioni diocesano, Liz Sullivan.

La donna ha detto che la diocesi sta “seguendo la politica stabilita dal Consiglio degli Stati Uniti dei vescovi cattolici” per l’acquisto della casa.

McGrath ha detto che la diocesi ha ottenuto i soldi dal ricavato dalla vendita di un condominio in cui visse il suo predecessore, il vescovo in pensione Pierre DuMaine.

“Il fondo è un fondo che può essere utilizzato per nient’altro”, ha affermato McGrath. “Quando non sarò più in giro, la casa potrà essere venduta. È un buon investimento in tal senso. Probabilmente farà fare più soldi in questo modo che se i soldi fossero messi in banca adesso”.

Tuttavia, l’acquisto appare in contrasto con le preoccupazioni espresse in precedenza dallo stesso McGrath riguardo alla disuguaglianza abitativa nel nord della California.

Nel 2016, McGrath aveva scritto che “troppi bambini e famiglie vivono in auto o sono risiedono con altre famiglie in piccole case perché non possono permettersi l’affitto”.

“Non c’è alcuna giustificazione morale o sociale, nessuna giustificazione di sorta, per la mancanza di alloggi”, aveva scritto.

Nonostante molti membri del clero in pensione scelgano di vivere in una comunità di pensionati a Mountain View sponsorizzata dalle Figlie della Carità di San Vincenzo de ‘Paoli, nelle rettorie delle chiese, nelle case dei parroci, o presso gli ordini cattolici, come la Compagnia di Gesù, McGrath ha risposto: “Sono tutte possibilità. Ma mi piacerebbe vivere in una casa in modo da avere la libertà di aiutare la diocesi senza disturbare i preti”.

McGrath ha detto di aver guardato varie case sia all’interno che al di fuori della diocesi, ma “avevano tutti una sorta di inconveniente”. “Ho guardato i posti fuori dall’East Bay, ma mi piace la valle”, ha detto McGrath. “Ho pensato che sarebbe stato bello essere qui, essere di aiuto (con la parrocchia), se posso”.

McGrath non ha intenzione di avere altri membri del clero come coinquilini regolari, anche se le persone che lo aiutano a cucinare e pulire potrebbero rimanere.

Una risposta

  1. Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *