Bermuda, primo territorio al mondo ad abrogare il "matrimonio" omosessuale | lafedequotidiana.it

Bermuda, primo territorio al mondo ad abrogare il “matrimonio” omosessuale

Il governatore di Bermuda, John Rankin, ha promulgato una legge che non permetterà più la celebrazione di matrimoni gay nell’arcipelago o alle navi con la loro bandiera. Bermuda diventa così il primo territorio al mondo a invertire tali regolamenti.

Rankin (nella foto) ha firmato la legge sulle unioni domestiche, che sostituisce il matrimonio gay, che era stato autorizzato dal 5 maggio 2017 con una decisione della Corte Suprema delle Bermuda, territorio britannico d’oltremare.

La nuova legge, approvata dal Senato delle Bermuda nel dicembre 2017, riconosce i sindacati tra persone dello stesso sesso, ma non il “matrimonio”. Tuttavia, concede diritti come l’ereditarietà nel caso in cui non vi sia alcuna volontà precedente e la possibilità di prendere decisioni mediche per conto della coppia. Rimangono validi i matrimoni omosessuali già celebrati.

Secondo il ministro degli Affari nazionali Walton Brown, sebbene le parti contraenti non possano sposarsi, godranno “di un’unione libera nella quale avranno gli stessi diritti”. La decisione ha suscitato l’opposizione di diversi gruppi che difendono i diritti LGBT , che considerano illegale consentire e poi rifiutare.

Brown ha replicato che la maggior parte dei cittadini delle Bermuda sono contrari ai matrimoni omosessuali. Questa legge ha lo scopo di trovare un equilibrio tra coloro che sull’isola credono che il matrimonio dovrebbe essere tra un uomo e una donna (il 69% della popolazione) e allo stesso tempo riconoscere e proteggere i diritti delle persone omosessuali”, ha detto ai media locali.

Diverse compagnie di crociera con navi battenti bandiera delle Bermuda hanno dichiarato che questa misura “deluderà” coloro che hanno pianificato di sposarsi a bordo delle loro barche. In una dichiarazione congiunta, le società P & O Cruises e Cunard hanno dichiarato che ora offriranno di portare a bordo “cerimonie di impegno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *