Bambino spagnolo dona 1.000 euro dei regali di prima comunione ai bimbi del Venezuela

La solidarietà non ha età. A volte, i più piccoli sono quelli che comprendono meglio le ingiustizie. Un bambino di Valencia, di nove anni, ha deciso di fare qualcosa per i bisognosi del Venezuela ed ha chiesto alla sua famiglia di non fargli regali materiali per la sua prima comunione.

Ha voluto ed ha ottenuto che i suoi amici e la sua famiglia gli dessero dei soldi per fare in beneficenza. Detto e fatto. Il ragazzo ha raccolto mille euro e sabato scorso, prima della messa presso la Parrocchia Nostra Signora di Montserrat Picanya a Valencia, ha dato i soldi per migliorare la vita dei bambini più bisognosi del Venezuela .

Il ragazzo ha voluto dare il suo contributo in quella parrocchia, anche se non ne fa parte, a causa del suo legame con i suoi parrocchiani e perché sapeva che ogni anno raccoglie fondi per progetti di solidarietà.

Rimanendo nell’anonimato, ha dato una lezione a tutti senza fare rumore. Con austerità ha messo in pratica il comando di Gesù.

Il Venezuela è considerato uno dei paesi più poveri al mondo per via della dittatura comunista  che lo governa  (con a capo Nicolás Maduro) e per la crisi economica dell’ultimo decennio.

A partire dal 2013 l’economia del Venezuela ha subito un calo degli indici macroeconomici, inaugurando un periodo di recessione e di crisi. L’origine di questa caduta è una combinazione di problemi strutturali dell’economia venezuelana e la forte influenza esterna della crisi finanziaria globale, con la caduta dei prezzi del petrolio.

La nazione è al primo posto dal 2013 al 2016 secondo l’indice di miseria, somma di inflazione e disoccupazione, che è una misura del malessere di un paese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *