Arizona: la pornografia crea un “ambiente sessualmente tossico che danneggia tutta la società”

I legislatori dell’Arizona (Stati Uniti) stanno cercando di far dichiarare la pornografia come una causa di crisi della sanità pubblica.

Un legislatore dell’Arizona ha introdotto una risoluzione che ricorda che la pornografia crea un “ambiente sessualmente tossico che danneggia tutte le aree della nostra società”.

La risoluzione è stata introdotta il 7 febbraio dalla Repubblicana Michelle Udall. Dopo essere passata attraverso il comitato, il provvedimento sarà successivamente votato dall’intera Arizona House.

“Come l’industria del tabacco, l’industria della pornografia ha creato una crisi di salute pubblica”, ha detto Udall. “La pornografia è usata in modo pervasivo, anche a danno dei minori”.

Dan Oakes, un terapeuta dell’Arizona che aiuta i pazienti contro la dipendenza da pornografia, ha testimoniato a sostegno della risoluzione. Ha espresso la speranza che possa “aprire la porta” a più leggi con maggiore significato legale.

La risoluzione proposta evidenzia i rischi della pornografia, sottolineando i suoi effetti di dipendenza, le conseguenze sessuali e l’influenza sui giovani.

“I potenziali effetti dannosi sugli utenti di pornografia includono comportamenti sessuali tossici, malattie emotive, mentali e mediche e difficoltà a formare o mantenere relazioni intime”.

La misura afferma che, grazie al progresso della tecnologia e di Internet, i bambini sono stati abilitati ad accedere con facilità al materiale vietato. Inoltre avverte che il porno può sostituire l’educazione sessuale appropriata, modellando la comprensione da parte dei giovani di ciò che è normale in modo disordinato.

“I bambini vengono esposti alla pornografia a un ritmo allarmante, portando a una bassa autostima, a disturbi alimentari e ad un aumento dell’attività sessuale problematica in età sempre più giovane”, afferma la risoluzione.

“La pornografia normalizza la violenza e l’abuso di donne e bambini trattandoli come oggetti, aumentando la richiesta di traffico sessuale, prostituzione e pornografia infantile”.

Alcuni rappresentanti democratici hanno respinto il disegno di legge, sostenendo che non ci sono prove sufficienti per giustificare l’etichettatura della pornografia come una crisi della salute pubblica e suggerire che i legislatori si concentrino invece sull’ampliamento dei programmi di educazione sessuale.

“Se vogliamo davvero guardare a questo, dovremmo iniziare con l’educazione. È imbarazzante che siamo uno degli stati che non ha un’educazione sessuale accurata dal punto di vista medico”, ha detto la democratica Pamela Hannley.

La pornografia è già stata dichiarata come un problema per la salute pubblica in Arkansas, Florida, Idaho, Kansas, Kentucky, Louisiana, Pennsylvania, South Dakota, Tennessee, Utah e Virginia.

Michael Sheedy, direttore esecutivo della Florida Conference of Catholic Bishops, ha detto alla Cna l’anno scorso che le prove mostrano sempre più gli effetti negativi della pornografia, specialmente per i giovani.

“La ricerca ha trovato una correlazione tra l’uso della pornografia e le malattie mentali e fisiche, la difficoltà di formare e mantenere relazioni intime, lo sviluppo malsano del cervello e le funzioni cognitive e il comportamento sessuale deviante, problematico o pericoloso”, aveva detto. “È un riconoscimento che i bambini sono particolarmente a rischio a causa dei cambiamenti tecnologici – avendo più accesso alla pornografia che mai – e agli effetti sul loro sviluppo e sulla loro sessualità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *