Argentina, vescovo chiede di non votare candidati abortisti

In Argentina il vescovo Martínez Ossola ha chiesto di non votare per i candidati che sostengono l’aborto.

Con una lettera che ha inviato a tutti i sacerdoti delle parrocchie che dipendono dalla diocesi, Monsignor Enrique Martínez Ossola ha chiesto ai sacerdoti di mettere in guardia i loro parrocchiani nelle omelie, di non votare per i partiti che sostengono la legalizzazione dell’aborto, che considera un “crimine abominevole”, e nemmeno le ideologie attaccano la famiglia, come l’ideologia gender.

“Nei prossimi mesi si terranno in Argentina le elezioni delle nuove autorità, che segneranno il corso del paese; Sappiamo bene che le proposte della maggioranza delle parti sostengono la legalizzazione dell’aborto, del crimine abominevole e delle ideologie che tentano di sfidare la famiglia. Pertanto, è dovere dei pastori della Chiesa di Cristo avvertire i fedeli che sostenere queste proposte è partecipare a loro”, ha affermato l’alto prelato.

“Chiunque neghi la vita della persona non ancora nata, commetterebbe un crimine morale e grave, perché nulla giustifica la morte di un innocente”, ha detto, citando le parole di San Giovanni Paolo II.

Il presule ha ricordato ai parroci che “è obbligo dei rappresentanti di Cristo avvertire fermamente i fedeli del grande pericolo morale che significa scegliere coloro che sostengono la morte dei bambini nel grembo materno”, e ha affermato: “Il voto dei cattolici dell’Argentina  può essere un segno eloquente di ciò che la società invia alle sue autorità”.

Mons. Martinez Ossola ha sottolineato il lavoro dei membri dei gruppi pro-vita nella provincia e in tutta l’Argentina, così che “in queste elezioni scegliamo valori cristiani e fondamentali come: vita, famiglia, onestà e verità” .

“Sanno che questa lotta è ineguale, ma hanno fiducia in Cristo, in Maria, e nella Chiesa”.
“Affidiamo l’Argentina alla nostra Beata Madre ea Gesù Cristo, che oggi ci chiedono di essere le loro mani in questa difesa della vita e della famiglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.