Il 75 per cento degli americani vuole limiti sostanziali all’aborto

Un sondaggio negli Stati Uniti ha rilevato che il 75% degli intervistati desidera restrizioni “sostanziali” sull’accesso all’aborto anche se più della metà degli intervistati si definisce “a favore della scelta”.

Condotto dal Marist Poll al Marist College, il sondaggio di 1.066 adulti ha rivelato che gli intervistati vorrebbero limiti all’aborto in modo che possa essere eseguito solo durante i primi tre mesi di gravidanza.

Anche il 61 percento degli intervistati “a favore della scelta” desidera restrizione in materia. Non sorprende, invece, che il 96% degli intervistati pro-life abbia supportato ogni restrizione all’aborto.

Sostengono dei limiti all’aborto il 92% dei repubblicani, mentre la percentuale scende al 60% tra i democratici e risale al 78% tra gli indipendenti.

“La sensazione è che il dibattito sull’aborto, quando si guarda a ciò che la gente vuole in termini di restrizioni, è a favore di una sostanziale restrizione all’aborto”, ha affermato Andrew Walter, vice presidente per le comunicazioni e la pianificazione strategica per Cavalieri di Colombo, che sponsorizzano il sondaggio annuale dal 2008.

Barbara Carvalho, direttrice del Marist Poll, ha detto che i risultati mostrano che non c’è “un elettorato veramente polarizzato” quando si parla di aborto. I risultati dell’indagine rivelano che coloro che si identificano come “a favore della scelta” non sono necessariamente fortemente a favore dell’accesso illimitato all’aborto come viene ampiamente descritto nei media e da alcuni sostenitori “pro-choice” .

Il sondaggio ha anche chiesto agli intervistati le loro opinioni su ciò che la Corte Suprema degli Stati Uniti dovrebbe fare se decidesse di rivedere la decisione Roe v Wade del 1973 che legalizzava l’aborto.

Il 49% ha sostenuto che la decisione dovrebbe tornare agli stati. Il 30% ha affermato che l’aborto dovrebbe essere legale senza restrizioni mentre il 16% afferma che dovrebbe essere sempre illegale.

Altri risultati nel sondaggio includono:

– Con un margine dal 54% al 39%, gli intervistati si oppongono al finanziamento dei contribuenti per l’aborto.

– Una maggioranza molto più ampia – dal 75% al ​​19% – si oppone all’uso dei dollari delle tasse per pagare l’interruzione della gravidanza in altri paesi.

– Il cinquantacinque per cento degli intervistati ritiene che i medici con obiezioni morali dovrebbero essere autorizzati a rinunciare alla prestazione o a fornire una copertura assicurativa per l’interruzione della gravidanza, mentre il 35 per cento ha dichiarato che tali lavoratori dovrebbero essere legalmente tenuti a partecipare.

– La stragrande maggioranza degli intervistati, l’83%, ritiene che le leggi possano proteggere sia la madre che il nascituro piuttosto che scegliere di proteggere l’una e non l’altra.

– Il 42% degli intervistati ha dichiarato di ritenere che la vita inizi al concepimento, il 10% entro i primi tre mesi di gravidanza, il 9% tra i tre e i sei mesi, il 19% quando il feto è vitale e può vivere al di fuori dell’utero e il 13% quando il bambino è nato; Il 7% non era sicuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *