Scilipoti Isgrò: “Modificare la 194 per tutelare la vita”

“Parlare di Dio nel Parlamento, per un politico credente, è un dovere ed anche un onore”. Lo dice in questa intervista  che ci ha rilasciato il senatore Domenico Scilipoti Isgrò, Forza Italia e Presidente di Unione Cristiana.

Presidente Scilipoti Isgrò, che cosa è Unione Cristiana, fondata da circa un anno?

“Un movimento politico oggi  di supporto a Forza Italia, composto da persone di buona volontà, ispirate ai valori giudaico- cristiani.  Per essere chiari, parlo sicuramente  di cattolici, ma siamo  amanti della sintesi e del  dialogo con gli ortodossi e  gli evangelici. Non ci occupiamo solo della diffusione e della protezione dei principi eticamente non negoziabili, ma siamo orientati alla  difesa dell’ ambiente, ai valori della solidarietà e sussidiarietà, ad una economia e finanza giuste e rispettose dell’ individuo. Ovviamente,   tra le nostre priorità, figura la centralità e sacralità della vita umana , dal  concepimento sino alla  fine naturale. Non a caso, sono  promotore di una  proposta di legge per  l’abolizione o almeno la modifica, della legge 194, creando o meglio mettendo in pratica  i presupposti collaterali, penso ai consultori,  per venire incontro alle donne. Come dicevo prima, la vita deve essere tutelata, come del resto la famiglia, composta da uomo e donna . Trovo sconcertante ed anche allarmante in Italia il tema della scarsa natalità. La politica aiuti ed appoggi concretamente la famiglia e qui il mio pensiero va al lavoro e al fisco”.

Dove sono finiti i  cattolici nella politica italiana, dopo le ultime elezioni?

“Mi chiedo dove dappertutto sono  quelli che si professano fedeli ai principi giudaico cristiani, e non solo in termini di voti.  Allo stato mi sembrano confusi e penso che siano  ovunque, in senso trasversale in tutti i partiti.  A mio avviso, un credente  coerente, non può appoggiare o votare quegli schieramenti promotori di leggi che urtano quella di Dio e  naturale. Unione Cristiana rispetta chi non crede e non vuole uno Stato o una politica dominati dalla religione, confessionali, ma la sana laicità è concetto ben diverso dai laicismo. Non siamo settari o fondamentalisti e non vogliamo fondare un governo basato sulla religione, tuttavia  che male ci sta, per un credente a portare Dio nel Parlamento? Io non me ne vergogno. Anzi, per un credente, parlare di Dio in Aula è un onore e direi anche  dovere. Su alcuni temi la politica ha scelto la libertà di coscienza. Io penso che questa non valga per chi si professa credente ed osservante dei valori giudaico cristiani. ”

E allora un credente per chi non deve votare?

“Non mi sembra  sensato partire da per chi non si deve votare. Io valuto la cosa in positivo. A mio avviso, un credente  appoggi chi esprime e rispetta i  principi di  derivazione giudaico cristiana che Unione Cristiana  condivide a 360 gradi, non fermandosi solo ad aspetti tematici , come la difesa della famiglia, che pure è centrale”.

In che cosa credete?

“In un umanesimo cristiano integrale. Oggi sembra che la politica non dia troppa importanza, lo abbiamo constatato, ai principi non negoziabili, probabilmente ci si vergogna di essere e soprattutto  mostrarsi cristiani. Io non voglio giudicare  nessuno e tanto meno obbligare gli altri a scelte etiche, ma resto della idea che occorre  testimoniare la propria fede, anche in pubblico,  quando ci si  dice credenti. Sempre”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *